Pain Paillasse®

LA STORIA

Pain Paillasse®

PASSIONE E TRADIZIONE


Originario della Svizzera romanda, Aimé Pouly è il prototipo del panettiere lungimirante, intelligente, astuto e con una grande passione per il suo mestiere. Ha saputo coniugare in modo visionario la tradizione e lo spirito d’avventura necessari per fondare un’impresa. Pur privilegiando le pratiche antiche, l’imprenditore artigiano ha costruito il suo successo su un artigianato costantemente orientato all’autenticità e alla tradizione. Il mastro panettiere ha saputo rafforzare il know-how della sua professione in modo eccezionale.

…. mi capita di mettere le mani in pasta. Nonostante le proporzioni che la mia attività ha assunto, faccio in modo che il lato autentico del prodotto venga garantito."
Aimé Pouly

Pain Paillasse®

UNA CRESCITA FOLGORANTE


Aimé Pouly inizia all’età di 13 anni presso un panettiere di Lucens, dove si occupa della consegna del pane. È durante questo periodo che scopre lo «spirito imprenditoriale». Il suo capo riesce a trovare un buon posto d’apprendistato a Bienne, presso Werner Schlapch, mastro panettiere e presidente dell’Associazione Svizzera dei panettieri.

Quest’esperienza gli permette di riconoscere l’importanza della qualità e del rigore di un lavoro ben fatto. È il secondo migliore panettiere del Canton Berna. Di ritorno nella Svizzera romanda, impara le specialità regionali di Losanna, Friburgo e Vallese.

Volendo mettersi in proprio, l’industria della macinazione di Plainpalais gli propone diversi locali. All’età di 24 anni, si stabilisce all’avenue du Mail, a Ginevra.

“… non potete immaginare l’emozione che si prova quando si entra per la prima volta nella propria panetteria." Aimé Pouly

Nel 1977, Aimé Pouly apre il suo secondo punto vendita in via Caroline. Fino ai 40 anni, Pouly vive a 100 all’ora e adegua il ritmo del suo lavoro soltanto quando incontra Catherine, moglie e madre di sua figlia, Sindy. Catherine diventa il suo partner e la coppia inaugura insieme l’undicesima panetteria. Pouly comincia a diventare un impero e il panettiere lavora già alla nascita del Pain Paillasse, che sarà creato nel 1993.

... abbiamo battezzato questo pane col nome di Paillasse con riferimento alla paglia del materasso su cui dormiva il panettiere durante la fermentazione dell’impasto." Aimé Pouly

Dopo dieci anni, l’attività accelera con l’acquisto del forno Novafood di Satigny. Questa nuova entità conterà presto circa 1.000 dipendenti.

... Aimé Pouly è un uomo con un grande cuore, dotato di un formidabile spirito di comunicazione!... Non posso che essere felice di aver seguito con una certa soddisfazione la carriera atipica di un vero e proprio panettiere, orgoglioso della propria professione e del nobile prodotto che lavora ogni giorno, il pane… per di più il Pain Paillasse!” Renaldo Nanzer (Direttore dell’Associazione svizzera mastri panettieri-confettieri, 1986-2007)

Le ricompense si susseguono, e per la rivista L’Hebdo, Aimé Pouly fa parte delle 100 personalità che rappresentano la Svizzera romanda.

Nel 2009, Aimé Pouly riceve il prestigioso premio «Master Entrepreneur», imprenditore svizzero dell’anno.
Aimé Pouly muore improvvisamente nel 2011, all’età di 62 anni, a causa di una malattia.

L’uomo d’affari non era appassionato solo del suo lavoro, ma anche delle auto sportive, e questo lo dimostra il suo ciondolo: due spighe di grano dorato che rappresentano il lavoro, e al centro, il simbolo di un bolide, un riferimento al suo hobby.

Nel 1998 ha creato la prima squadra di corsa automobilistica, chiamata “Paillasse race team”. Ha dato inoltre vita al “Swiss dream” che sponsorizzava i giovani talenti svizzeri dello sport automobilistico. Tra questi, fanno parte grandi piloti che ora sono conosciuti nei circuiti internazionali: Sébastien Buemi (F1 Driver & World Champion 2014 WEC), Marcel Fässler e Neel Jani che ha conquistato la 24 ore di Le Mans 2016.

"Aimé Pouly ha guidato per lungo tempo i veicoli Porsche, ma negli ultimi dieci anni si è convertito alla Ferrari”, dichiara Gino Forgione, titolare di Modena Cars, con il quale Aimé Pouly avrebbe dovuto correre, quella stessa settimana, in un circuito in Spagna, al volante della sua 458 GT3 rosso e nero. Un pilota nell’anima che avrebbe potuto essere meccanico, se non fosse per il suo talento per il pane, e che era dunque un appassionato delle belle carrozzerie.

Da allora, l’impresa torna a fiorire sotto l’egida della nuova generazione, intenzionata a dimostrare il legame con i valori della famiglia e il totale impegno nei confronti dei propri clienti, delle sue tradizioni e del suo territorio

Sindy Pouly, figlia del fondatore, è da fine del 2011 a capo dell’ azienda a conduzione familiare Pouly, e la famiglia rimane molto dedita.

La società Aimé Pouly resta la più grande panetteria artigianale in Svizzera. Anche oggi tutti i pani Paillasse sono cotti nei nostri forni a legna.

La gamma Pain Paillasse

Pain Paillasse®

I PANI STAGIONALI

Partendo dagli impasti di base (Bianco, Scuro, Rustick e SpeltaPura), i pani possono essere personalizzati secondo le stagioni e le preferenze.

Pain Paillasse®

I SANDWICH STAGIONALI

Durante l'anno farete una scoperta dopo l'altra. Pain Paillasse® Originale propone vari ricette di sandwich in base alle stagioni e alle tendenze gustative del momento.